Agenzia
Presentazione
Contatti
Collabora con noi
Risorse
Catalogo libri
Ultime novità editoriali
Giurisprudenza Abruzzese
Cerca feed D&G
Formazione
Promozioni e convenzioni
Vademecum
Avvocati
I tuoi consulenti
Step by step: conti rateali
Codici Commentati
Processo telematico
Fattura elettronica
Firma digitale
Richiedi un appuntamento
Praticanti avvocati
Soluzioni esame Avvocato
Step by step: conti rateali
Commercalisti
Proposte Giuffrè
FiscoPIÚ
Banca dati di FiscoPIÚ
Giuffrè commercialisti
ReMida Interessi
Business Data
Consulenti Tecnici
Deposito telematico
Firma digitale
Fattura elettronica
Studenti
Offerte riservate
Prenotazione testi
Collaboratori
Login
Utilità
Assistenza on-line
Link utili
Mappa del sito
Privacy
Credits
 
Novità Editoriali
Notizie dall'Agenzia
10-5-2019Attacco Hacker alla PEC di oltre 30.000 avvocati in Italia: le attivitą da compiere ai sensi del GDPR
18-4-2019Convenzione con ELSA The European Law Student's Association - TERAMO
10-4-2019Corso Cliens link attivi ipertestuali del 6 maggio 2019 - Posti esauriti
10-4-2019ATTENZIONE! Indisponibilitą temporanea servizi PEC del Ministero della giustizia
28-3-2019Step by Step: la tua biblioteca a 30 euro al mese
Lista completa
Editoria elettronica
DeJure Juris Data Cliens Gestione Studio Legale
ReMida Interessi e Rivalutazione ReMida Danno ReMida Tassi di Usura
Enciclopedia del Diritto Guida Avvocati Business Data
e-learning Giustizia Civile .com Promozioni Editoria Elettronica

Che Cosa È la Firma Digitale
Processo Telematico a Teramo: sperimentazione Processo Telematico a Teramo: la firma digitale Giuffrè


Software della firma digitale Giuffrè

La firma digitale è l’equivalente elettronico di una firma autografa apposta su carta. Basata su un sistema informatico di crittografia a chiave pubblica, essa consente l’autenticazione di documenti digitali che così assumono pieno valore legale ed efficacia probatoria.

Il procedimento pratico di firma di un documento digitale (un qualsiasi file) prevede che il file da firmare venga elaborato dal software di firma, il quale genera, a partire da esso, un nuovo file avente lo stesso nome del file da firmare, con l'aggiunta dell'estensione p7m. Ad esempio, se si firma un file di nome Lettera.doc, il software di firma creerà un nuovo file dal nome Lettera.doc.p7m.
Quest'ultimo è la versione firmata del documento Lettera.doc. Il software utilizzato per apporre la firma ha così associato stabilmente le informazioni di firma al file da firmare. Ha, cioè, generato un nuovo file in cui alle informazioni originarie è stata associata la firma digitale in modo che non sia possibile separarla dal documento firmato.

Le informazioni aggiunte al contenuto firmato da questa procedura garantiscono che:

  1. è sempre possibile identificare l’identità del mittente (autenticità);
  2. il mittente non può disconoscere un documento da lui firmato (non ripudio);
  3. il destinatario non potrà creare o modificare alcun documento che risulti firmato da qualcun altro (integrità).

Delle tre condizioni, quella da tenere in massima considerazione è la seconda, soprattutto se si ha l'abitudine di lasciare incustodito il dispositivo di firma. Smarrire o concedere l'utilizzo di un dispositivo simile ad altri può avere conseguenze ben più gravi della perdita di una carta di credito o di una carta Bancomat.

È bene ricordare che all’art. 32, comma 1 del Codice dell’Amministrazione Digitale (D. Lgs. 82/2005) è previsto che: "il titolare del certificato di firma è tenuto ad assicurare la custodia del dispositivo di firma e ad adottare tutte le misure organizzative e tecniche idonee ad evitare danno ad altri; è altresì tenuto ad utilizzare personalmente il dispositivo di firma".
 

Argomento precedente
Metodi di interazione
Indice dei contenuti
Indice dei contenuti
Richiesta informazioni
Richiedi informazioni
Argomento seguente
Firmo, la firma digitale di Giuffrè