Agenzia
Presentazione
Contatti
Collabora con noi
Risorse
Catalogo libri
Ultime novità editoriali
Giurisprudenza Abruzzese
Cerca feed D&G
Formazione
Promozioni e convenzioni
Vademecum
Avvocati
I tuoi consulenti
Step by step: conti rateali
Codici Commentati
Processo telematico
Fattura elettronica
Firma digitale
Richiedi un appuntamento
Praticanti avvocati
Soluzioni esame Avvocato
Step by step: conti rateali
Commercalisti
Proposte Giuffrè
FiscoPIÚ
Banca dati di FiscoPIÚ
Giuffrè commercialisti
ReMida Interessi
Business Data
Consulenti Tecnici
Deposito telematico
Firma digitale
Fattura elettronica
Studenti
Offerte riservate
Prenotazione testi
Collaboratori
Login
Utilità
Assistenza on-line
Link utili
Mappa del sito
Privacy
Credits
 
Novità Editoriali
Notizie dall'Agenzia
10-5-2019Attacco Hacker alla PEC di oltre 30.000 avvocati in Italia: le attivitą da compiere ai sensi del GDPR
18-4-2019Convenzione con ELSA The European Law Student's Association - TERAMO
10-4-2019Corso Cliens link attivi ipertestuali del 6 maggio 2019 - Posti esauriti
10-4-2019ATTENZIONE! Indisponibilitą temporanea servizi PEC del Ministero della giustizia
28-3-2019Step by Step: la tua biblioteca a 30 euro al mese
Lista completa
Editoria elettronica
DeJure Juris Data Cliens Gestione Studio Legale
ReMida Interessi e Rivalutazione ReMida Danno ReMida Tassi di Usura
Enciclopedia del Diritto Guida Avvocati Business Data
e-learning Giustizia Civile .com Promozioni Editoria Elettronica

La Moltiplicazione dei File
Processo Telematico a Teramo: sperimentazione L'atto telematico


Prima di passare ad illustrare le funzionalità di Cliens Redigo che interagiscono con il Processo Telematico, è bene fare un piccolo riassunto dei passaggi che un avvocato deve svolgere per inviare un atto.
Supponiamo che l’atto da inviare sia una memoria corredata da due allegati:

Memoria origine L’avvocato deve redigere l’atto e gli allegati (al termine di questa operazione saranno stati creati 3 file).
Memoria pdf La memoria deve essere convertita in formato pdf testuale; se gli allegati non sono stati registrati in uno dei formati accettati dal sistema (pdf - testuale o immagine -, rtf, txt, jpg, gif, tiff, xml), dovranno anch'essi essere convertiti. Questa operazione genera da uno a tre nuovi file.
Memoria firmata L’atto in versione pdf andrà firmato digitalmente. Se necessario, anche gli allegati dovranno essere firmati o controfirmati. Si avranno, così, da uno a tre ulteriori file.
Memoria pdf Dovrà essere generata, infine, la busta dal redattore (un ulteriore file) ed anche questa dovrà essere firmata.

Per poter inviare, senza l'ausilio di alcuno strumento, una memoria telematica di questo genere, l'avvocato dovrà generare da un minimo di 6 ad un massimo di 10 file!
Ad essi, poi, si devono aggiungere le risposte del sistema informatico ministeriale, che vanno da un minimo di due a un massimo di 4 e-mail recapitate sulla PEC dell'avvocato.

Ci pare chiaro che, nel tempo e con l’aumentare degli invii, la difficoltà maggiore sarà gestire questa enorme mole di informazioni. E’ per questo che Giuffrè Editore ha deciso di integrare il proprio redattore in un sistema più strutturato, un mini-gestionale, che sia in grado di organizzare logicamente le informazioni e generare in modo automatico e invisibile all’avvocato la maggior parte dei file intermedi.

Come vedremo, Cliens Redigo è in grado di generare direttamente la busta convertendo automaticamente i file originari in formato pdf, di firmare tutti i file che vanno firmati, mediante un solo inserimento del codice PIN e di depositare l'atto in cancelleria utilizzando la PEC. Al termine dell’operazione, l’avvocato avrà nel fascicolo i soli 3 file di origine (gli altri file intermedi vengono gestiti da Cliens e rimossi quando non più necessari, senza che l’avvocato li veda) e, in un elenco separato, la busta creata.
 

Argomento precedente
Il redattore di atti
Indice dei contenuti
Indice dei contenuti
Richiesta informazioni
Richiedi informazioni
Argomento seguente
I fascicoli di Cliens Redigo