Agenzia
Presentazione
Contatti
Collabora con noi
Risorse
Catalogo libri
Ultime novità editoriali
Giurisprudenza Abruzzese
Cerca feed D&G
Formazione
Promozioni e convenzioni
Vademecum
Avvocati
I tuoi consulenti
Step by step: conti rateali
Codici Commentati
Processo telematico
Fattura elettronica
Firma digitale
Richiedi un appuntamento
Praticanti avvocati
Soluzioni esame Avvocato
Step by step: conti rateali
Commercalisti
Proposte Giuffrè
FiscoPIÚ
Banca dati di FiscoPIÚ
Giuffrè commercialisti
ReMida Interessi
Business Data
Consulenti Tecnici
Deposito telematico
Firma digitale
Fattura elettronica
Studenti
Offerte riservate
Prenotazione testi
Collaboratori
Login
Utilità
Assistenza on-line
Link utili
Mappa del sito
Privacy
Credits
 
Novità Editoriali
Notizie dall'Agenzia
10-5-2019Attacco Hacker alla PEC di oltre 30.000 avvocati in Italia: le attivitą da compiere ai sensi del GDPR
18-4-2019Convenzione con ELSA The European Law Student's Association - TERAMO
10-4-2019Corso Cliens link attivi ipertestuali del 6 maggio 2019 - Posti esauriti
10-4-2019ATTENZIONE! Indisponibilitą temporanea servizi PEC del Ministero della giustizia
28-3-2019Step by Step: la tua biblioteca a 30 euro al mese
Lista completa
Editoria elettronica
DeJure Juris Data Cliens Gestione Studio Legale
ReMida Interessi e Rivalutazione ReMida Danno ReMida Tassi di Usura
Enciclopedia del Diritto Guida Avvocati Business Data
e-learning Giustizia Civile .com Promozioni Editoria Elettronica

Processo Civile Telematico - L'Atto Telematico
Logo Cliens PCT piccolo Bottoni Cliens PCT piccoli


È un documento di testo convertito in formato PDF. L’atto e i suoi allegati, sempre in formato elettronico, vengono firmati digitalmente, assemblati in una “busta” e cifrati con la chiave pubblica dell’Ufficio Giudiziario di destinazione, che è il solo a poterli visualizzare. La busta telematica, attualmente, viene inviata attraverso la cosiddetta CPECPT, casella di posta elettronica certificata per il processo telematico, che viene assegnata ad ogni avvocato in modo univoco dal Punto di Accesso (PDA) presso cui è iscritto.

Materialmente l’attività di deposito della busta può avvenire in due diversi modi:

  • attraverso la funzione di deposito atto messa a disposizione dal PDA secondo le modalità da esso previste;
  • mediante la funzione deposito atto presente nel software utilizzato per la costruzione della busta telematica.

A seguito del deposito, vengono inviati all’avvocato tre differenti messaggi: il primo viene trasmesso alla fine dell’invio della busta e ne attesta l’avvenuta consegna; il secondo comunica l’esito del controllo automatico effettuato dal sistema; il terzo comunica l’esito, positivo o negativo, dell’esame effettuato dall’Ufficio Giudiziario di destinazione.

L’elenco degli Uffici Giudiziari abilitati e degli atti depositabili è consultabile via internet nel sito del Ministero della Giustizia www.processotelematico.giustizia.it.

Scema Processo Civile TelematicoEsempio di Decreto Ingiuntivo Telematico
Esaminiamo cosa deve essere disposto per creare la busta telematica.

Il Ricorso - Il file del ricorso va firmato digitalmente. Il ricorso può essere preparato con qualsiasi elaboratore di testi (Word, OpenOffice, ecc.) e convertito in formato PDF. Non è consentito stampare l’atto, scansionarlo e allegarlo come PDF immagine.
Gli Allegati - Tutti gli altri allegati al ricorso devono essere necessariamente in uno dei formati ammessi dalle regole tecniche PCT: pdf, rtf, txt, jpg, gif, tiff, xml. È consentito l’utilizzo dei formati compressi zip, rar, arj, purché contenenti file nei formati indicati in precedenza. Nel nome del file da allegare è consigliabile non inserire caratteri speciali come accenti, apostrofi, virgolette, parentesi e altri simboli quali % $ £ & ecc.
Procura alle Liti - Il file va firmato digitalmente. Il foglio che riporta il mandato conferito dalla parte all’avvocato va fatto sottoscrivere dalla stessa, firmato dall’avvocato per autentica e scannerizzato. Il file che ne deriva deve essere salvato in formato PDF specificando nel nome “procura alle liti”. La procura a margine dell’atto “ricorso” non può essere considerata procura valida se non estrapolata in un file a parte qualificato come “procura alle liti” e firmato digitalmente.
Contributo Unificato - Una volta effettuato il pagamento con i metodi tradizionali (fino ad attivazione delle procedure per il pagamento telematico che saranno rese disponibili dai PDA), il contributo unificato va scansionato insieme al ricorso e salvato in uno dei formati previsti per gli allegati, dando come nome del file il numero della matrice (Lottomatica) o un nome significativo negli altri casi (F23). Inserire nello stesso file anche la marca da bollo da € 8,00.
Nota Spese - Se non inclusa nel ricorso, è possibile allegare la nota spese come documento separato, sempre in formato PDF.
 

Argomento seguente
Punto di Accesso
Indice dei contenuti
Indice dei contenuti
Richiesta appuntamento
Richiedi un appuntamento
Argomento seguente
Il codice fiscale